SPIGOLATURE SULLA MATURITÀ 2019: simulazioni seconda prova

La seconda prova scritta in versione “mista”. Vi proponiamo il video di “Sole 24 Ore – Inserto Scuola.

GUARDA IL VIDEO / L’appello di Liliana Segre: no a maturità senza traccia storica

Sul sito del Miur (www.istruzione.it/esame_di_stato/esempi/201819/default_anno.htm) sono disponibili gli esempi di compito in classe che gli studenti si troveranno sul banco il 20 giugno.

GUARDA IL VIDEO / Nuovo esame di maturità: ecco come cambia

Al Liceo Classico, per il mix latino-greco, la scelta è caduta sulla morte di Seiano narrata dalla penna di Tacito e di Cassio Dione. Allo Scientifico ci si è concentrati, invece, sulle cariche elettriche e sui campi elettrostatici. Mentre all’Istituto Tecnico con indirizzo amministrazione, finanza e marketing viene proposto di immaginare un piano pubblicitario per una società con più di 50 dipendenti che vende stufe a pellet.

Ecco le tracce delle seconde prove per i licei

Ecco le tracce delle seconde prove negli istituti professionali

Ecco le tracce delle seconde prove negli istituti tecnici 

Al Classico va tradotto solo il testo in latino
Fugati i timori degli studenti. Almeno al Classico. Dove di misto, di fatto, c’è soprattutto il quiz. Nel compito si parla di Seiano, ministro dell’imperatore Tiberio, che nel 31 d.C. lo mandò a morte accusandolo di aver congiurato contro di lui. Ebbene, la prova disponibile online prevede un breve estratto in latino di Tacito da tradurre in italiano. Ad aiutare gli studenti c’è una breve biografia del personaggio in questione oltre a un pre-testo ed un post-testo già tradotto. Poi si passa al greco ma i due scritti in greco di Cassio Dione, relativi sempre allo stesso personaggio, recano già la traduzione a fronte in italiano. E si arriva così al quiz. Tre domande aperte, da un lato, per saggiare la comprensione del testo e, dall’altro, per dire la propria sul concetto di “obsequium”.

Allo Scientifico matematica e fisica nello stesso elaborato
Il grado di mixology sembra salire invece allo Scientifico. Per risolvere una delle due tracce a scelta degli alunni bisogna sapere sia di matematica che di fisica. Il primo parte dalla geometria analitica ed arriva a calcolare la resistenza dei conduttori elettrici laddove il secondo fa il percorso inverso: incominciando dalle cariche elettriche e finendo allo studio di funzione classico. Lo stesso copione si ripete nelle otto domande a seguire, che contengono, però, un piccolo escamotage. Lo studente può scegliere, infatti, le quattro a cui rispondere e limitare quasi l’impatto ad una sola delle due materie visto che i quesiti della simulazione sono cinque di matematica e tre di fisica. Chissà se questo piccolo “aiutino” basterà a placare le ire degli studenti che la scorsa settimana sono scesi in piazza per protestare contro le novità per l’esame introdotte ad anno scolastico già iniziato. Anche se il decreto che ha riformato la maturità risale al 2017.

Liberamente adattato da: “Il Sole 24 Ore – Inserto Scuola”.