VIA AI COMANDI FUORI RUOLO PER 150 TRA DIRIGENTI SCOLASTICI E DOCENTI. DOMANDE DA INVIARE ENTRO IL 3 MAGGIO

Con la Nota 11233/2019, il MIUR ha reso note le consuete indicazioni che disciplinano l’individuazione del personale scolastico da destinare ai compiti e ai progetti previsti dalla normativa vigente.

Assegnazione di Dirigenti Scolastici e prof per compiti connessi all’autonomia

Il 31 agosto 2019 termina il triennio di durata degli incarichi connessi all’autonomia scolastica in base al comma 8 dell’articolo 26 della legge 448/1998. È, pertanto,  necessario procedere a una nuova individuazione di docenti e Dirigenti Scolastici da assegnare all’Amministrazione centrale del MIUR ed agli Uffici Scolastici Regionali per un totale di 150 unità.

Il personale da collocare fuori ruolo deve aver superato il periodo di prova.

La selezione sarà operata dai Dipartimenti e dalle Direzioni Generali secondo le modalità consuete. L’incarico avrà durata triennale, rimanendo salva la possibilità di revoca motivata dell’incarico da parte dell’amministrazione. La sede di servizio sarà presso l’amministrazione centrale o presso gli Uffici scolastici regionali, comprese le articolazioni territoriali degli stessi.

L’orario di servizio del personale docente collocato in posizione di comando è di 36 ore settimanali e non è previsto il servizio ad orario parziale. I Dirigenti Scolastici mantengono le condizioni di servizio del proprio CCNL.

Il servizio prestato in posizione di collocamento fuori ruolo dai Dirigenti Scolastici e dai docenti è valido ai fini giuridici ed economici. I collocamenti fuori ruolo dei docenti, che abbiano durata superiore ad un quinquennio, comportano la perdita della sede di titolarità.

Assegnazione presso Enti ed Associazioni professionali  

Limitatamente al prossimo anno scolastico 2019/2020, potranno essere assegnati, per massimo un anno, Dirigenti Scolastici e docenti nella misura di massimo 100 unità presso gli Enti e le Associazioni che svolgono attività di prevenzione del disagio psicosociale; e massimo 50 unità presso Associazioni professionali del personale direttivo e docente, nonché presso Enti che operano nel campo della formazione e della ricerca educativa e didattica.

Le richieste, da inviare entro il 3 maggio 2019, saranno esaminate sulla base delle attività proposte e della continuità di azione nel settore indicato, dimostrata dai richiedenti negli anni precedenti. L’elenco delle Associazioni verrà pubblicato sul sito del Miur.