Vuoi inserirti in terza fascia nelle graduatorie d’istituto, devi conseguire obbligatoriamente i 24 CFU. Dettate le regole per il concorso straordinario

Dopo l’approvazione del Decreto Scuola introdotti ancora cambiamenti, come la riapertura della terza fascia. L’emendamento del Decreto Scuola sancisce che i 24 CFU per i nuovi inserimenti nella graduatoria della terza fascia saranno indispensabili dal 2020.

Inserimenti in terza fascia

A breve sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il DECRETO SCUOLA, che tante discussione e perplessità sta sollevando, soprattutto per l’introduzione dell’obbligo del conseguimento dei 24 CFU per chi si vuole inserire per la prima volta in terza fascia. L’obbligo vale sia per i laureati che per i diplomati ITP.

I nuovi inserimenti in III fascia sono regolamentati da una precisa sezione dell’emendamento:

All’articolo 1, comma 107, della legge 13 luglio 2015, n. 107, le parole: «2019/2020» sono sostituite dalle seguenti: «2022/2023» e, alla fine, è aggiunto il seguente periodo:

In occasione dell’aggiornamento previsto nell’anno scolastico 2019/2020, l’inserimento nella terza fascia delle graduatorie per posto comune sulla scuola secondaria è riservato ai soggetti precedentemente inseriti nella predetta terza fascia ovvero ai soggetti in possesso dei titoli di cui all’articolo 5, comma 1, lettera b), e comma 2, lettera b), del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 59.

Ciò che interessa maggiormente sono i 24 CFU necessari per chi vuole inserirsi in terza fascia.

Molti nostri lettori ci chiedono come e dove rivolgersi per il conseguimento dei 24 CFU,le possibilità sono molteplici tra Associazioni e Università sia Statali che telematiche, il consiglio della “Compagnia dell’Albero della Conoscenza” è quello di rivolgersi ad un’associazione che vi possa guidare anche nella valutazione degli eventuali esami antropo-psico-pedagogici già sostenuti come Alfa Consulenza & Formazione – corso Umberto 1°, 45 – Torre Annunziata – tel. 3347207645

I concorsi

Nel Decreto Scuola si parla anche del Concorso Straordinario per la Scuola Secondaria di I e II grado. Porterà all’immissione in ruolo e all’abilitazione all’insegnamento nella scuola secondaria.

Verranno banditi 24.000 posti su base nazionale. Resta confermata l’organizzazione del concorso su base regionale. Potranno partecipare solo coloro i quali rientrano in una specifica classe di concorso o per il sostegno e solo in una regione.

Finite le prove, via libera alla graduatoria per classi di concorso e sostegno.

I requisiti per la partecipazione al Concorso Straordinario:

  • tre annualità di servizio tra l’anno scolastico 2011/2012 e l’anno scolastico 2018/2019, su posto comune o di sostegno, anche non consecutive;
  • almeno un anno di servizio nella specifica classe di concorso o nella tipologia di posto per la quale si concorre.

Per la partecipazione ai posti di sostegno è richiesto l’ulteriore requisito del possesso della relativa specializzazione su sostegno.